Mirate spesso, con gli occhi dell’anima, Gesù Cristo Crocifisso, nudo, bestemmiato, calunniato, abban­donato, colmo di ogni sorta di noie, tristezze e travagli; e considerate che tutti i vostri patimenti, né per qualità, né per quantità, sono in modo alcuno da paragonarsi con i suoi, e le vostre sofferenze sono sempre un nulla a paragone di quello che Egli ha sofferto per voi.

S. Francesco di Sales, Filotea, Parte 3, Cap. 3.

Il 7 novembre 1622 S. Francesco di Sales impiegò tutta la mattinata nel far la rivista della sua coscienza con una confes­sione breve, ma molto esatta, “nella quale – depose il Reve­rendo Michel Favre, suo confessore – meglio ancora conobbi che la grazia di Dio giustificava quel giusto e santificava quel Santo, e che la tranquilla Gerusalemme dell’anima sua era stata visitata dallo Sposo Divino.” Dopo pranzo il santo Vescovo si chiuse nel suo gabinetto, mostrò e consegnò al fratello e Coa­diutore tutte le carte più importanti e scrisse parecchie cose per il buon governo della Diocesi: fatto questo, parve molto con­tento e disse: “Veramente mi sembra che, per grazia di Dio, tocco la terra con la sola punta dei piedi, essendo il resto già alzato in aria, per partire.”

error